A raccontarlo è il quotidiano “La Città” e si tratterebbe di una grave violazione al protocollo Covid. I fatti nei giorni scorsi, quando un medico si è presentato presso un ospedale del Salernitano in compagnia della nipote febbricitante con chiari sintomi da Coronavirus. La ragazza, invece di essere accolta nel prefabbricato dedicato ai casi sospetti, è stata fatta comunque entrare in Pronto Soccorso dove le è stato praticato il tampone che ha dato esito positivo. Lo zio, a quel punto, avrebbe chiesto di poter riaccompagnare la nipote a casa ma gli è stato negato e la ragazza è stata trasferita e ricoverata all’ospedale a Boscotrecase con sintomi del Covid.