Tra le fila dei candidati del Partito Democratico di Napoli, Luigi Gatti ex consigliere comunale del Comune di Striano, è il più giovane del gruppo. Il trentaduenne strianese vanta però un curriculum di attivismo sociale già da veterano, essendo impegnato in attività sociali e di volontariato da quando era un ragazzino. «Abbiamo sempre più bisogno di giovani impegnati. Avevo 16 anni quando insieme ad altri coetanei iniziammo ad avvicinarci alla partecipazione attiva, conservo quei momenti nei ricordi preziosi. Movimenti indipendenti, associazioni, comitati, tutti laboratori importanti per chi, come me, è sempre partito dal basso facendosi le ossa tra errori, esperienze e cose belle» queste le sue parole attraverso un comunicato social. Gatti è stato candidato due volte alle amministrative, risultando primo eletto della sua compagine in entrambe le occasioni.

Sostenitore di De Luca dal lontano 2010, ricorda quando per lui attaccava i manifesti elettorali: «fu una campagna elettorale davvero entusiasmante, io e altri amici facevamo mattina ad affiggere materialmente i manifesti, furono momenti di passione». Gatti è attivo nello sport e nel mondo dell’educazione non formale, è stato responsabile di scambi culturali europei nell’ambito di Youth In Action e mediatore culturale nei programmi di accoglienza. Aprire le porte a esperienze di militanza nella società civile è stata una direzione del Partito Democratico di Napoli: Gatti rappresenta la via di mezzo in quanto si tratta di un reintegro. Buone notizie intanto dai sondaggi, il Partito Democratico va verso l’affermazione come primo Partito politico campano.