Un uomo è stato denunciato dai carabinieri forestali di Sarno in quanto ritenuto responsabile dell’incendio boschivo che si è verificato il 22 settembre in località Valle dei Lacci nel comune di Bracigliano. I militari, applicando la tecnica del metodo delle evidenze fisiche, hanno analizzato le tracce e le evidenze lasciate dal fuoco e hanno così appurato che l’incendio è da ascriversi a cause colpose, in particolare all’accensione di residui vegetali all’interno di un terreno tenuto ad uliveto limitrofo ad un’area boscata. I militari hanno successivamente identificato in S.F., di Bracigliano, l’autore del reato. Quest’ultimo è risultato essere il proprietario dell’uliveto da cui è originato il fuoco e, nel bruciare i residui vegetali delle coltivazioni, pratica agronomica vietata in periodo di massima pericolosità per gli incendi boschivi, non si è accertato del completo spegnimento dei residui combusti, causando un incendio che ha investito anche un ricovero per la legna con il rischio che le fiamme si propagassero anche ai terreni circostanti. Solo il tempestivo intervento dei militari e delle squadre di spegnimento ha evitato il peggio. L’autore è stato denunciato all’autorità giudiziaria per incendio boschivo colposo.