Non lascia il carcere Nicola Del Sorbo, il 34enne che ha confessato l’omicidio di Luana Rainone, la 31enne di San Valentino Torio uccisa il 23 luglio a Poggiomarino con una coltellata alla gola. L’uomo, messo alle strette dalle indagini, aveva ammesso le proprie responsabilità, spiegando che l’omicidio era avvenuto durante un litigio; il gip del tribunale di Nocera Inferiore ha convalidato il fermo emesso nei giorni scorsi nei suoi confronti, attualmente Del Sorbo si trova nel carcere di Fuorni. A tradire Del Sorbo anche un cuscino intriso di sangue con cui l’uomo ha poi detto di avere provato a fermare l’emorragia alla gola della vittima.

Luana Rainone, sposata e con una figlia piccola, era scomparsa dalle 14 del 23 luglio scorso. Gli investigatori avevano ascoltato Del Sorbo, con cui la ragazza aveva una relazione, ma lui aveva negato di averla vista o sentita quel giorno. I tabulati telefonici e le telecamere, però, lo hanno smentito: in una registrazione si vede la ragazza che si dirige verso la baracca dove vive il 34enne, tra Poggiomarino e San Valentino Torio. Del Sorbo ha continuato a negare, ma è crollato dopo un lungo interrogatorio, ha confessato il delitto e ha indicato il posto dove aveva occultato il cadavere: lo aveva avvolto in un sacco di plastica nero e lo aveva gettato in un pozzo nei pressi della baracca.