Il Tribunale del Riesame di Napoli, accogliendo le tesi difensive, ha annullato per carenza di autonoma valutazione l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip Tribunale di Benevento ed eseguita il 15 Luglio 2020 che aveva portato all’arresto di 44 persone per associazione a delinquere transnazionale finalizzata alla produzione e traffico di monete false ed altro. Si tratta della vera e propria stamperia di denaro falso con sede a Pomigliano d’Arco e che secondo l’accusa produceva milioni di euro. Tra gli scarcerati anche pomiglianesi.

Tra coloro che sono stati posti immediatamente in libertà figura anche Ernani Vassallo, 42enne di Pomigliano d’Arco, difeso dall’avvocato Gennaro Toscano del Foro di Nola. Gli altri scarcerati sono: Ciro Panico, 76enne di Giugliano; Alfredo Muoio, 66 anni di Casalnuovo; Aniello Riviecco, 70enne di Torre del Greco; Michele Rivieccio, 41 anni di Torre del Greco; Alessandro Aprea, napoletano di 38 anni; e Antonio Papaccio, 68enne di Casoria.