«Faccio un appello al personale scolastico che ha già dato prova di eccezionale responsabilità. Chiedo ai docenti di fare uno sforzo, di sottoporsi tutti al controllo sierologico, a cui dovrà fare seguito poi un controllo con il tampone». Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso di una diretta Facebook. «In Campania – ha spiegato De Luca – abbiamo 200mila dipendenti nelle scuole pubbliche e private: se abbiamo una media del 10% di persone positive, sono 20mila persone positive; con la media del 5% di contagi sono 10mila persone. Parliamo di numeri importanti. Se vogliamo dare sicurezza alle famiglie dobbiamo garantire che il personale sia stato controllato».

«Ai sindaci che mi hanno mandato la lettera per chiedermi di posticipare il primo giorno di scuola – spiega – dico che valuteremo in maniera definitiva sull’apertura dell’anno scolastico da qui a una settimana, quando avremo certezze sui nodi che segnaliamo: screening sul personale scolastico, misurazione delle temperature, aule disponibili e trasporto scolastico. Questi problemi vanno affrontati e in tempo utile altrimenti facciamo un disastro. Non lo dico per cattiveria, ma per questioni di merito che vanno risolte. Siamo l’unica Regione in Italia che ha detto al governo che sono degli irresponsabili a fissare l’apertura delle scuole il 14 e le elezioni il 20 settembre. Ma ora dobbiamo risolvere il problema, lasciamo perdere il passato». E per risolvere il problema, sarà necessario un accordo con il trasporto privato, gli ncc e i bus delle gite scolastiche «per aumentare il numero dei mezzi per portare i ragazzi a scuola». «Se rimaniamo solo con il trasporto pubblico non ce la faremo, il governo deve autorizzare la stipula di questi accordi con l’attribuzione di risorse economiche», chiosa il presidente della Regione Campania.