Se l’erano date di santa ragione davanti a decine di persone rimaste attonite allo Zoomarine. I militari della Stazione di Torvajanica e della Compagnia carabinieri di Pomezia, al termine di un’indagine scaturita a seguito della furibonda lite in strada, hanno denunciato in stato di libertà tre persone, tutte di nazionalità italiana, ritenute responsabili del reato di rissa.

La zuffa era divampata nella mattinata del 22 agosto scorso presso il parco divertimenti di Zoomarine, dove alcune persone del Napoletano, in attesa di poter accedere alla struttura, avevano creato disordini legati a questioni di rispetto della fila e di distanziamento sociale. Nel parapiglia una donna era stata colta da un malore.

L’attività investigativa dei militari ha permesso, attraverso l’acquisizione di informazioni utili e di alcuni video apparsi sul web in cui veniva ripresa la scena, di ricostruire compiutamente l’accaduto e di identificare le persone coinvolte. Alla luce delle evidenze emerse, per i predetti è scattato per loro il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Velletri.