Poggiomarino, ecco la sede di FdI: battesimo con parlamentari, sindaci e candidati


1641

Parte con l’acceleratore la campagna elettorale di Fratelli d’Italia a Poggiomarino, partito rappresentato da coordinatore cittadino Giuseppe Orefice. Alla presenza dei vertici nazionali e regionali, con la presenza del candidato sindaco del centrodestra Maurizio Falanga, da “Baloo” Fratelli d’Italia ha tenuto il suo battesimo. Ad aprire la serata dopo una breve introduzione dell’addetto per la stampa, Carmen Cretoso, ci ha pensato Giuseppe Orefice che ha voluto accanto a se per un saluto anche Luigi Belcuore che ha incentrato il suo intervento sulla forza della squadra di Fratelli d’Italia a queste elezioni. Orefice ha voluto aprire la serata con un intervento molto forte: «Oggi parte la nostra campagna elettorale, abbiamo un solo obbiettivo mandare via il malgoverno della sinistra dalla Campania e da Poggiomarino».



Gli fa eco Giuseppe De Simone coordinatore provinciale del partito e presidente del consiglio comunale a Terzigno, che dice «C’è un grande fallimento della sinistra con uomo che non ha mai brillato, tipo le fogne con un comizio del 2016 di De Luca». Nel suo intervento Michele Schiano ha voluto evidenziare la grande squadra che Fratelli d’Italia presenterà alle regionali: «Noi stiamo dimostrando come squadra di Fdi, con i nuovi arrivi, di stare crescendo di qualità, io sono convinto che dopo questa campagna elettorale Fdi potrà annoverare altri sindaci». Dopo l’intervento di Schiano è stata la volta degli amministratori locali tra i quali Antonio Del Giudice, sindaco di Striano che ha evidenziato come Poggiomarino e Striano siano molto vicine tra loro: «Io ho avuto l’onere e l’onore di fare il sindaco per più mandati e ho visto tanti sindaci succedere a Poggiomarino, con alcuni di essi ci ho anche collaborato. Ma con Maurizio sindaco la sinergia sarà ancora più forte e poi dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna. Adesso è arrivato il momento per Poggiomarino di avere finalmente come sindaco Maurizio Falanga».

A lanciare la volata per l’intervento di Falanga ci ha pensato il senatore Antonio Iannone: «Queste elezioni segneranno la fine di una politica fatta di inganni, mi sono emozionato a risentire quell’inno che non sentivo da molti anni, io credo che stasera in questa sala c’è una rappresentazione completa e plastica di come faremo politica. Alla fine come ultimo intervento ci è stato quello dell’avvocato Falanga che non ha avuto remora a lanciare continue stilettate a chi ha governato Poggiomarino fino a pochi mesi fa: «Pur avendo già affrontato questa avventura da candidato per me è la prima uscita pubblica. Intanto mi rivolgo ai candidati alla Regione. Voi avete un compito che per noi è fondamentale dovete fare in modo che questa Regione non venga governata da De Luca perché questa città è stata presa in giro. Chi mi ha sentito altre volte in qualche altro incontro sa come sono legato a Fdi, sono legato a questo partito con due persone Orefice e Belcuore. Fdi mi ha scelto quattro anni fa e non due o tre giorni fa. C’è un problema a Poggiomarino gravissimo, Poggiomarino non piace più ai suoi abitanti e questo non va bene perché è frutto degli ultimi nove anni. Noi vinceremo non nel 2020 ma nel 2025 perché potremo tirare le somme di quello che abbiamo fatto. A Poggiomarino manca tanto il Puc, un parco cittadino, lo Stadio Europa, il cimitero, la lotta agli allagamenti. Il nostro sogno riguarda proprio ciò che manca a Poggiomarino. Questa è una città che va rivoluzionata e deve essere rivoluzionata da dei sognatori. Nella nostra squadra ci sono persone che sognano di cambiare completamente Poggiomarino. C’è la necessità di grandi opere e non di qualche casetta dell’acqua o del microcredito. Il Presidente De Luca qui è impresentabile e i suoi sodali sono inadeguati. Poggiomarino non deluderà. Perché Caldoro e i suoi candidati non deluderanno».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE