Stavano attraversando la strada quando un’auto che procedeva verosimilmente a velocità sostenuta le ha investite: è successo la scorsa notte a Napoli, dove una ragazza di appena 15 anni ha perso la vita e l’amica, che di anni ne ha 14, invece, se l’è cavata con una frattura alla gamba destra e una prognosi di 30 giorni. L’incidente mortale è avvenuto a Piazza Carlo III. Alla guida di una Smart a 4 posti c’era un 21enne che ora è sotto choc. Gli agenti della sezione Infortunistica Stradale della Polizia Locale (coordinata dal capitano Antonio Muriano) gli hanno ritirato la patente. È stato poi accompagnato in ospedale per i prelievi ematici che riveleranno se aveva bevuto alcol o se era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. I risultati dovrebbero essere pronti nei prossimi giorni. Chiesta l’acquisizione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza.

Le due ragazzine abitavano a Calata Capodichino, non molto lontano dal luogo dell’incidente, avvenuto intorno all’una. Secondo quanto si è appreso stavano tornando a casa. Gli investigatori della sezione infortunistica stradale della Polizia Municipale di Napoli non hanno rilevato segni di frenata. Le due ragazze avevano attraversato una carreggiata e ne stavano attraversando una seconda quando la vettura è sopraggiunta. Secondo quanto si apprende la dinamica dell’accaduto sarebbe abbastanza chiara. La 15enne è stata presa in pieno dalla Smart e sbalzata a diversi metri di distanza dal luogo dell’impatto. Cadendo ha battuto violentemente la testa sullo spartitraffico.