Falanga presenta la sua idea di rilancio per Poggiomarino, fatta di imprese e infrastrutture. Rialziamo la testa non è solo uno slogan elettorale, ma un vero e proprio modo di pensare alla politica. La nostra comunità cittadina esige rilancio, ha bisogno di risollevarsi e guardare con fierezza al futuro e questo può avvenire solo attraverso una adeguata politica delle imprese. La fuga di numerose piccole e medie imprese dal territorio poggiomarinese avvenuta in questi anni è la prova del fallimento delle attuali infrastrutture cittadine. Oltre a perdere le imprese stesse ed i lavoratori, si è così lasciata andar via la possibilità di crescita economica: «Io non ci sto e cambio rotta. Poggiomarino ha bisogno di rialzarsi e ripartire», dichiara il candidato a sindaco Maurizio Falanga. Per il candidato alla carica di primo cittadino del centrodestra è necessario «affrontare il problema circa la realizzazione di una zona dedicata alle imprese, con le sue ovvie, positive ripercussioni per la città e per le imprese che ad essa accedano. Durante i miei incontri, tanti me ne hanno parlato ed io, con il supporto di tutti i miei candidati ho voluto farmi portavoce dei cittadini che chiedono lavoro e degli imprenditori che vorrebbero investire nel nostro paese».

Falanga pone l’accento su un altro problema che ritiene fondamentale per lo sviluppo economico ed imprenditoriale della città. Il leader del centrodestra, infatti, dichiara: «si aggiunga una ragionata politica di adeguamento delle infrastrutture cittadine alle realtà imprenditoriali, soprattutto di medie e grandi dimensioni. Bisogna creare una rete di collaborazione e scambio tra le aziende del nostro paese attraverso iniziative promozionali per la diffusione dei nostri prodotti agricoli di eccellenza».