Un’officina abusiva ma dove i clienti portavano automobili di lusso. Succede a Somma Vesuviana, dove ad entrare in azione sono stati i carabinieri della Forestale di Ottaviano, che hanno fatto irruzione in capannone trasformato in autoriparatore da un 68enne del posto. Ed all’interno dell’officina sono state trovate anche una Ferrare ed una Maserati affidate da clienti che poi sono stati multati così come tutti i proprietari dei veicoli trovati all’interno. A riportare la notizia è l’edizione online de Il Mattino.

Ma non solo Ferrari e Maserati, perché nell’area antistante il capannone c’erano ance una Porsche, una Lotus, Audi, Volvo e Jaguar. Un parco automobili che vale più o meno mezzo milione di euro. Inoltre, i carabinieri hanno scoperto che oltre alla mancanza di autorizzazione, naturalmente anche lo smaltimento lasciava a desiderare. Parti di auto, batterie esauste e rifiuti speciali vari erano disseminati in zona. Naturalmente l’officina non disponeva di alcun registro di carico e scarico. Per il 68enne di Somma Vesuviano è arrivata la denuncia oltre ad una multa di 5mila euro.