Un nuovo incontro dei Comuni che fanno capo all’Agenzia di Sviluppo dell’Area Nolana per trattare lo sforamento dei parametri delle polveri sottili, sollecitati alcuni emendamenti in sede di approvazione dell’imminente proposta di legge regionale sull’inquinamento dell’aria come reso noto dall’esponente politica Enza Amato intervenuta ai lavori. Un argomento, però, che rischia di diventare propaganda elettorale e nulla più.

«Ancora un’altra riunione sulle polveri sottili», commenta Giuseppe Allocca attivista di Legambiente Iride impegnato a Saviano, «Speriamo che sia la volta buona per gli interventi preannunciati e non solo ripetitive intenzioni di buona volontà, in prossimità delle scadenze elettorali; sarebbe un altro flop come altri.   Auspichiamo l’approvazione della legge, ma dobbiamo prendere atto dei ritardi e delle inadempienze registratisi sul territorio- prosegue Allocca – Sul sito del Comune di Saviano nulla si dice del tavolo svoltosi nella sede dell’Agenzia e chi abbia rappresentato l’Ente. È tuttora invece pubblicata la ricerca commissionata alla Sun dal Comune di Saviano nel 2016 per il monitoraggio sull’inquinamento dell’aria con risultati particolarmente preoccupanti». In quattro anni non sono seguiti fatti concreti.

«Ancora oggi – conclude Allocca – ignorate e disattese tutte le raccomandazioni contenute nel documento per contenere lo sforamento dei limiti delle polveri sottili, le continue sollecitazioni dell’Isde, Medici per l’Ambiente sottosezione di Nola-Acerra e la petizione dell’Associazione Frastuono per modifiche al traffico veicolare pesante. Eppure nel consiglio comunale siedono autorevoli medici sempre e tuttora indifferenti e silenti su tale problematica».