In scooter oltre i confini boschesi: fermato il pregiudicato “Ferro Filato”


4258

In scooter lontano dal Comune di residenza: in manette affiliato al clan. È stato arrestato ieri Antonio Ruggiero, 36 anni, detto “ferro filato”, pregiudicato di Boscotrecase e sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con obbligo di residenza a Boscoreale. A dare la notizia è il quotidiano Roma oggi in edicola. Proprio a Boscotrecase, mentre era in scooter, è stato “pizzicato” dai carabinieri della stazione di Trecase che, agli ordini del comandante Antonio Tiano, l’hanno seguito e bloccato in via Domenico Morelli, lì dove secondo l’Antimafia sono residenti diversi affiliati al clan Gallo-Limelli-Vangone a cui lui risulta affiliato.



Il 36enne si è subito arreso ed è stato ammanettato con l’accusa di violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale. Ieri mattina, assistito dagli avvocati Pasquale e Ferdinando Striano, Ruggiero è comparso dinanzi al giudice monocratico del tribunale di Torre Annunziata, Maria Ausilia Sabatino, per la convalida dell’arresto e la direttissima. Ancora il Roma spiega che il giudice, dopo aver letto attentamente tutta la documentazione fornita dai legali di Ruggiero, ha deciso di non convalidare l’arresto e di rimettere in libertà il 36enne, con gli obblighi da dover rispettare. Ruggiero era stato scarcerato con sottoposizione alla sorveglianza speciale due mesi fa, ma ha anche un lungo passato da latitante alle spalle.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE