I Carabinieri di San Vitaliano insieme a quelli della Stazione Carabinieri Forestali di Marigliano hanno trovato una vera e propria discarica in un’area di proprietà di una ditta specializzata nella rivendita di materiale per l’edilizia con sede a Scisciano. I militari hanno constatato che i due amministratori della società – un uomo di 64 anni ed una donna di 58 anni del luogo – hanno adibito un terreno con destinazione urbanistica di tipo “agricolo” a raccolta di rifiuti speciali non pericolosi (consistenti in scarti ferrosi e materiali da risulta vario) che nel tempo erano stati lì accantonati. I due – ai quali è stata applicata una sanzione amministrativa di 500 euro – stati denunciati per deposito e gestione illecita di rifiuti ed utilizzo di area con diversa destinazione d’uso. L’intera area dell’estensione di circa 4mila metri quadri e di un valore commerciale di 50mila euro è stata sequestrata.

Ad Agerola, invece, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato un 30enne incensurato di Furore. I militari hanno accertato che all’interno di un fondo di proprietà dell’uomo c’erano rifiuti non pericolosi costituiti prevalentemente da pietre calcaree di scavi e terreno vegetale misto. L’area è stata sequestrata ed il 30enne denunciato per la violazione delle norme per lo smaltimento dei rifiuti.