Furbetti del cartellino a Boscoreale, in 50 salvati dalla prescrizione ECCO I NOMI DEI 41 A PROCESSO


4054

Erano oltre cento, poi si è passati a 91 ma intanto 50 di questi sono andati in pensione e per il loro capo d’accusa è scattata la prescrizione. Restano imputati in 41. Si tratta dei furbetti del cartellino di Boscoreale. Una vicenda che risale al 2010 e che solo dopo 10 anni ha avuto una requisitoria. La richiesta è Due anni di reclusione, 600 euro di multa, ed il licenziamento in tronco in caso di sentenza passata in giudicato. Furono i carabinieri della locale stazione a stanare i furbetti, quando si rendevano conto che gli uffici comunali e quelli distaccati si svuotavano. All’interno restava solo chi era deputato a timbrare il cartellino per gli altri. La prossima udienza sarà riservata ai collegi difensivi, poi dovrebbe arrivare la sentenza.



Ecco i nomi dei 41 imputati pubblicati da Il Mattino: Angelo Ricca, Vincenzo Matrone, Salvatore Di Martino, Franco Miranda, Luigi De Prisco, Elvira Pietrangeli, Ermelinda A. Di Palma, Domenico Castaldi, Nunziato Cirillo, Giovanni Sorrentino, Salvatore Trito, Laura Ferrara, Luigia Di Matteo, Giosué Vaiano, Luigi Sorrentino, Aldo Casillo, Pasquale Luongo, Maria Barbiero, Maria Grazia Carotenuto, Salvatore Lavano, Francesco Gentile, Vincenzo Vitiello, Giuseppe Leveque, Francesca Neri, Anna Silveto, Francesco Luigi Avino, Gennaro Panariello, Carmine Avino, Giovanni Francesco Cuomo, Giovanni Langella, Nunzio Aliberti, Luigi Ciro Cirillo, Bruno Starace, Vincenzo Oliva, Rosa Di Prisco, Raffaele De Maria, Fausto Proto, Gioacchina Collaro, Roberto De Falco, Giovanna Cuomo, Giuseppe Antonio Matteucci.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE