Sarno di nuovo inquinato, il ministro: «Abbiamo foto satellitari, puniremo tutti»


1953

«Con la ripartenza del Paese ripartono gli sversamenti. Sono arrivate segnalazioni dal fiume Sarno, da Castel Volturno e altre situazioni. Ho subito attivato i controlli: grazie a foto satellitari si sta risalendo ai diretti responsabili. Non rimarranno impuniti». Così su Twitter il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Intanto, in Campania, il presidente della Commissione Terra dei Fuochi, Ecomafie e Bonifiche del Consiglio regionale Gianpiero Zinzi, ha convocato per lunedì prossimo alle una seduta di Commissione alla presenza dell’assessore all’ Ambiente Fulvio Bonavitacola. La seduta, che si svolgerà in modalità telematica servirà a fare il punto sul pericolo di inquinamento delle acque interne e costiere della Campania durante la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, con riferimento ai diversi episodi denunciati nel periodo immediatamente successivo al lockdown, come al Fiume Sarno ed alla foce dell’Agnena. «In attesa dei risultati delle analisi dell’Arpac sui casi evidenziati – afferma Zinzi – le istituzioni hanno il dovere di affrontare un problema, quello degli scarichi illegali, che non è recente ma che dopo il lockdown è riemerso in maniera preoccupante. Quella stessa attenzione dimostrata finora nei controlli dei trasgressori delle ordinanze, adesso la pretendiamo per proteggere l’ambiente che ci circonda», conclude Zinzi.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE