Un cero acceso simbolicamente per ricordare tutti i defunti in un momento storico assai complesso, nel quale la morte minaccia da vicino tante persone a noi care. Nella mattinata di ieri, senza alcuna cerimonia pubblica, all’ingresso della struttura consortile di Ottaviano e San Giuseppe Vesuviano è stato acceso un cero per i cari estinti, non solo quelli le cui spoglie riposano nel locale camposanto, ma anche quelli che hanno perso la vita a causa del nuovo coronavirus. «Abbiamo ricordato i cari che non ci sono più e tutti coloro che, ad oggi, hanno perso la vita, 18.849 persone solo in Italia, oltre 200 solo in Campania, a causa dell’epidemia che stiamo affrontando» ha spiegato il sindaco di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano, che ha colto l’occasione, ancora una volta, per ribadire l’importanza di restare in casa. «Ho chiesto l’ausilio costante dell’esercito per individuare gli irresponsabili» ha concluso.