Niente Festa di San Michele, ma le celebrazioni religiose in onore del santo patrono del comune vesuviano non mancheranno. «Nessun ottavianese avrebbe mai immaginato di dover rinunciare alla festa civile e a gran parte di quella religiosa per il proprio amato santo patrono Michele arcangelo. Le attuali circostanze, l’emergenza sanitaria in corso e l’incertezza per l’immediato futuro ci impongono, tuttavia, di compiere questa scelta dolorosa». Con queste parole il comitato festa e l’amministrazione comunale hanno annunciato alla cittadinanza la novità rispetto all’attesa quanto frequentata ricorrenza cittadina dedicata all’arcangelo Michele. Che, dunque, non ci sarà nelle forme previste e che da anni richiamavano in città numerosissimi visitatori. Non mancheranno, tuttavia, importanti celebrazioni religiose, che saranno svolte nel rispetto delle norme sulla sicurezza e sulla prevenzione del contagio da Covid-19. In particolare, venerdì 8 maggio verrà celebrata la santa messa per motivi di sicurezza non aperta ai fedeli, ma trasmessa in diretta streaming su Facebook dai profili istituzionali dell’Ente e da alcune televisioni private. «Invitiamo, pertanto, tutti gli ottavianesi a raccogliersi in preghiera e a riflettere sul senso profondo della devozione per San Michele, che non si ferma e non può fermarsi. Essa, anzi, si rigenera e si fa più forte e diventa richiesta di intercessione al santo, dinanzi a tale terribile tragedia» hanno detto ancora Comune e Comitato Festa nel manifesto di avviso relativo alla manifestazione. Nel quale non manca, infine, uno sguardo all’evento del prossimo anno e un augurio per il presente: «Nella certezza che il prossimo anno riusciremo ad organizzare una festa di straordinaria bellezza, auguriamo a tutti buona solennità di San Michele» si legge in conclusione.