«Ieri mattina i Carabinieri Forestali del Reparto Biodiversità mi hanno informato di aver fermato e sanzionato due bikers che in mountain bike salivano sulla strada che conduce al Cratere del Vesuvio in violazione dei decreti anti covid 2019. Inoltre, mi hanno segnalato presenze anche all’interno della Riserva le cui autorizzazioni all’ingresso sono ovviamente sospese in questo periodo». A dirlo è il presidente del Parco Nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo: «Anche il Reparto Parco Nazionale del Vesuvio dei Carabinieri Forestali nei giorni scorsi ha sanzionato persone che si trovavano all’interno dell’area protetta. Finché non ci saranno diverse indicazioni da parte del Governo e dalla Regione le attività di escursione, visite guidate e sport all’aperto sono vietate. Quindi vanno condannati i comportamenti di coloro che in spregio alle indicazioni delle autorità mettono a rischio se stessi e gli altri. Spero che presto potremmo ritornare a fruire delle bellezze naturalistiche del nostro territorio ma per adesso bisogna continuare a rispettare le regole di contenimento del contagio».

Casillo aggiunge: «Ritengo che i Parchi e le aree protette potranno svolgere un ruolo fondamentale nella progressiva ripartenza che sarà prevista dalla fase due ma sarà necessario ancora più rigore e attenzione nelle modalità di fruizione. Intanto, rivolgo un forte ringraziamento a tutti i Carabinieri Forestali che stanno continuando a vigilare e tutelare la nostra area protetta anche in questa difficile situazione».