È un innocuo parcheggiatore abusivo di Torre Annunziata che, però, si trovava ricoverato nel pre-triage dell’ospedale San Leonardo a Castellammare di Stabia come “sospetto malato di Covid-19”. Ma ieri, a C.C., di 53 anni di Torre Annunziata, è stata data la caccia per una intera giornata, come “pericoloso untore”, perché era scappato dall’ospedale e non si sapeva dove si fosse recato. L’uomo è stato poi rintracciato alla stazione della Circumvesuviana di Pompei dai carabinieri ed è stato riportato alle cure dei camici bianchi. A raccontare la vicenda attraverso una nota è stato il sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, città nella quale abita C.C., il protagonista della fuga terminata con l’intervento dei militari dell’Arma e degli operatori sanitari con divise di biocontenimento.

Il sindaco annuncia anche che è salito a otto il numero dei residenti a Torre Annunziata che sono risultati positivi al Coronavirus. «Dall’inizio dell’emergenza sanitaria – si legge in una nota – sono stati effettuati sul territorio cittadino 90 tamponi. Il numero dei soggetti controllati dalle forze dell’ordine è di 1.424, di cui 33 sanzionati per essere usciti di casa senza una giusta motivazione. Sono 25, invece, le persone attualmente in isolamento domiciliare». C. C., detto “Terremoto’ dovrà essere sottoporlo alle cure di cui ha bisogno. Manifesta, infatti, tutti i sintomi del Covid-19, ma per un intero pomeriggio ha allarmato tutti perché aveva fatto perdere le sue tracce. Si trovava ricoverato nel pre-triage dell’ospedale San Leonardo per accertare se i suoi sintomi fossero dovuti al contagio da Covid-19 così come poi confermato dal tampone.