Auto fermata a San Giuseppe Vesuviano, il sindaco pubblica la foto e scoppia la gogna


7476

Alla fine la donna che era al volante di quell’auto era autorizzata a circolare per portare da mangiare al figlio giunto dell’estero e quindi in quarantena per 15 giorni. Una vicenda “nata e cresciuta” a San Giuseppe Vesuviano durante i controlli di Pasquetta per il rispetto dei divieti relativi al Coronavirus. È stato il sindaco Vincenzo Catapano a postare per primo la fotografia: «Anche chi furbescamente sta uscendo, credendo di eludere la sorveglianza per fare assembramenti a casa di amici o parenti, al proprio rientro troverà il regalo pasquale sotto casa- Grazie alle Forze dell’Ordine, Polizia e Carabinieri, che stanno garantendo il rispetto delle regole e tutelando, in tal modo, la nostra salute, con grande severità e dedizione». Ma sempre dai social è arrivata la replica, proprio dai diretti interessati.



Un uomo sangiuseppese ha infatti scritto che in quell’auto c’era la moglie, la quale stava portando da mangiare al figlio in un’abitazione che era dei nonni e vuota fino a qualche giorno fa. E lì che il giovane sta trascorrendo il suo periodo di isolamento dopo essere rimpatriato dall’estero e che lo spostamento non era altro se non per il sostentamento, così come è stato poi accertato dalle forze dell’ordine. Dunque, nessuna multa ma è scattata la polemica della gogna sul web. Secondo i diretti interessati, infatti, la fotografia scattata faceva riconoscere il veicolo, ed altri utenti hanno dato manforte alla tesi. Da oggi, intanto, a San Giuseppe Vesuviano praticamente non si parla d’altro.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE