È un noto pizzaiolo ad essere finito agli arresti domiciliari nei giorni scorsi a Boscoreale con l’accusa di usura. L’uomo, un 71enne, non svolgeva più da qualche anno il suo mestiere ma si era dedicato esclusivamente allo strozzinaggio considerato a quanto pare più remunerativo dal punto di vista economico, visto che chiedeva ed otteneva tassi d’interesse fino al 100% riuscendo ad ottenerli con minacce e pedinamenti anche ai familiari delle vittime. C’era chi aveva ottenuto in totale «600 euro e si è già preso 1350». Chi invece aveva estinto il suo debito di 300 euro in tre mesi già nel 2007 «pagando 400 euro, ma continuava a chiedermi soldi ancora oggi. Ho pagato oltre mille euro, mi ha schiaffeggiato sul luogo di lavoro per 25 euro. Ancora oggi da me vuole 1900 euro», sono alcune delle testimonianze contro l’uomo.