Poggiomarino, monetine contro De Luca: 3 denunce ECCO IL VIDEO DELLA CONTESTAZIONE


6265

I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata hanno segnalato all’autorità giudiziaria tre persone ritenute responsabili del lancio di monetine all’indirizzo del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a Poggiomarino dove era in programma un convegno su Bettino Craxi. Tra loro figurano due consiglieri comunali di opposizione eletti con liste civiche. Altre dieci persone sono state identificate e la loro posizione è all’esame degli investigatori per capirne il coinvolgimento. All’origine della protesta la problematica degli allagamenti a Poggiomarino per risolvere la quale – secondo i contestatori – la Regione non avrebbe fatto abbastanza. De Luca ha partecipato regolarmente all’appuntamento e successivamente, parlandone con i cronisti, ha minimizzato l’accaduto.



«Una vicenda che va definita per quello che è: vergognosa e indegna». Così, in una nota, il Psi, in relazione al lancio di monetine e alle contestazioni rivolte al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, avvenuti oggi a Poggiomarino dove era in programma un convegno su Bettino Craxi, al quale ha partecipato, tra gli altri, l’esponente socialista Bobo Craxi. «Queste azioni non possono rimanere impunite. Pare che a contestare il presidente De Luca, con metodologie che hanno rappresentato una delle pagine più tristi della nostra storia, ci fossero anche rappresentanti delle istituzioni locali – si legge nella nota – Se fosse confermato, delle due l’una: o le istituzioni sono diventate uno strumento a disposizione di azioni ignobili, oppure è necessario che chi si è reso protagonista di tutto ciò, cessi immediatamente di rappresentarle. Ci aspettiamo che i due consiglieri comunali rivolgano le proprie scuse a De Luca e ai cittadini che li hanno eletti facendo un gesto dovuto: rassegnando le proprie dimissioni».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE