«Clara, nostra concittadina, è rientrata a Napoli e poi nella sua città d’origine nel Vesuviano dopo essere rimasta 12 ore bloccata in aeroporto a Pechino». Così Gianni Simioli della Radiazza racconta la vicenda di una ragazza che ha dovuto affrontare l’emergenza coronavirus ed il cui video è diventato virale sui social. Ha spiegato di aver «deciso di mettersi in isolamento per le prossime due settimane perché – e qui Simioli usa le parole della giovane – nessuno ci ha controllato al nostro arrivo a Roma». Clara Avino era riuscita a tornare in Italia bypassando i blocchi aerei grazie ad un volo con scalo.

«Sto bene per il momento – ha spiegato in diretta alla Radiazza Clara stamane – Continuo ad indossare la mascherina e a prendere tutte le precauzioni del caso». La ragazza teme comunque per la sua salute, a causa delle ore spese all’aeroporto di Pechino, “uno dei più affollati”. E «in aereo – ha aggiunto – c’erano tantissime persone raffreddate e con sintomi influenzali». Alla domanda “perché non vai in ospedale?” ha risposto: «La legge italiana non dà diritto al test a chi non presenta sintomi».