È enorme il dolore per Fedele Formisano, il 46enne infermiere del 118 rimasto ucciso nell’incidente del primo pomeriggio in via Ceraso a Poggiomarino. In questi giorni, in attesa dell’ultimo saluto, il dolore corre sul web e sono centinaia i messaggi che stanno arrivando attraverso i social network. Fedele era per tutto “il gigante buono”, un omone grande e grosso, barbuto ma dal cuore enorme.

Biker per passione, operatore sanitario di professione, Formisano ha salvato tante vite a bordo di un’ambulanza. Un 118 che invece non ha potuto nulla per il suo incidente in scooter. Il pensiero di tutti va alla moglie ed alle loro due bambine, mentre si attende l’autopsia per stabilire le cause del decesso e riconsegnare la salma ai familiari.