Nei prossimi giorni sono previste nuove operazioni di sfratto al Piano Napoli di Boscoreale, cinque le famiglie che rischiano di non avere più una casa essendo scadute le proroghe concesse. Le operazioni di sfratto saranno affidate ai carabinieri della stazione locale, guidati dal maresciallo Massimo Serra. In assenza di ulteriori novità, proseguirà così il lavoro da parte delle forze dell’ordine, che già a luglio avevano sgomberato alcune famiglie, nonostante le proteste da parte dei residenti. Nella situazione generale ci sono anche casi singoli che sfiorano il paradossale, come il caso di una famiglia che rischia di non avere più una casa malgrado abbia tutti i requisiti per presentare la domanda di sanatoria. «Anziché aspettare i tempi della sanatoria, si preferisce procedere agli sgomberi – spiegano i legali delle famiglie colpite – ci sono anche persone che hanno la residenza da 9 anni e reddito Isee conforme ai requisiti, che però vengono ignorati. Così facendo il rischio è di sfrattare dei nuclei familiari che poi qualche mese dopo avranno tutto il diritto di tornare nelle case».