Un concerto come un altro, come ne ha fatti tanti nel corso della sua ormai longeva carriera. Questa volta per Clementino, noto rapper del Nolano, è stato però diverso. L’artista la notte del 31 dicembre si è esibito a Piazza Diaz, a Nocera inferiore. Ad assistere al concerto di Clementino la notte di capodanno erano circa 15mila persone, accorse per vedere l’esibizione del rapper, da anni uno degli esponenti del genere in Italia, tanto da essere stabilmente in classifica ed aver calcato i palchi più importanti compreso quello di Sanremo. Proprio durante il concerto la notte di San Silvestro Clementino, come fa spesso dopo essersi schierato a favore della liberalizzazione della marijuana, Clementino ha inneggiato l’utilizzo della droga leggera, prima facendo vedere una “canna” in cui giurava di aver messo solo tabacco, poi lanciando bustine sul palco, tipico souvenir del rapper contenente cartine e filtri.

Insomma, niente di nuovo sotto al sole, ma in questo caso la digos ha deciso di avviare un’indagine nei confronti di Clementino. Alcune fonti del commissariato hanno spiegato i motivi dell’indagine al Mattino: «Si tratta di un’indagine per tutelare i tantissimi minorenni presenti ma anche l’amministrazione comunale, ente pubblico, che ha organizzato il concerto».