Altra forte scossa nel Sannio: avvertita nel Vesuviano e nel Nolano


11752

Il sistema regionale di Protezione civile della Campania si è attivato per la sequenza sismica che sta interessando la provincia di Benevento e, in particolare, l’area di San Leucio del Sannio. Non sono stati segnalati, al momento, danni nel territorio legati alle sollecitazioni telluriche anche se le cinque scosse con magnitudo superiore a 3 – l’ultima molto vicina al 4 – sono state avvertite dalla popolazione. Il direttore generale della Protezione civile regionale, Italo Giulivo, si tiene in stretto contatto, da un lato, con l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia e il Dipartimento nazionale di Protezione civile e, dall’altro, con la prefettura di Benevento e i sindaci dei Comuni dell’epicentro, tenendo costantemente informato il presidente della Regione, Vincenzo De Luca. Dalle verifiche fin qui effettuate dai vigili del fuoco, non emergono situazioni compromesse. Sono stati effettuati 12 sopralluoghi, sei nella provincia di Benevento e altrettanti nella provincia di Avellino, tra cui al carcere minorile di Airola. Tutti hanno avuto esito negativo. Squadre di rilevatori tecnici del Genio Civile di Benevento, attivate dalla Regione Campania, sono comunque a disposizione degli enti pubblici per fornire supporto nelle ispezioni tecniche. La Sala operativa regionale della Protezione civile, come di consueto, è attiva in h24. Diverse scosse, soprattutto, l’ultima di magnitudo 3.6 alle 11,36, è stata distintamente avvertita nell’area vesuviana e nolana. Diverse le segnalazioni giunte in tal senso da San Giuseppe Vesuviano, Nola, Ottaviano e anche Poggiomarino.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE