TrasportoUnito: «La Legge di bilancio rischia di far fermare le nostre imprese»


832

Nei giorni scorsi si sono riuniti i consigli direttivi di TrasportoUnito Napoli e TrasportoUnito Caserta per affrontare le problematiche che riguardano le imprese di autotrasporto e confrontarsi sulle ripercussioni che la legge di bilancio può avere sulla categoria. La riunione, fortemente voluta dal presidente Franco Annunziata (nella foto), ha visto la partecipazione di molti imprenditori del settore che hanno potuto ascoltare la relazione del segretario Attilio Musella. La problematica riferita al taglio trasversale di tutti i benefici riferiti ai veicoli classificati come Euro 3, ha catalizzato l’attenzione e l’atteggiamento dell’Esecutivo di rendere nota tale decisione solo a 60 giorni dall’entrata in vigore è apparsa un’iniziativa alquanto azzardata.



Molto critico sull’operato del Governo è stato il Presidente di TrasportoUnito Napoli, Franco Annunziata. «Non c’è dubbio che la “questione accisa” rappresenti l’elemento che può rendere irreversibile la decisione di un fermo dei servizi da parte della categoria, ma non dobbiamo dimenticare che sono diversi anni che le nostre imprese stanno aspettando risposte da parte dell’Esecutivo su temi fondamentali – continua Annunziata – servono risposte immediate e concrete a questioni quali il rispetto dei tempi di pagamento e la pubblicazione dei costi di esercizio per la regolarità del mercato. Sicuramente le nostre imprese devono fare uno scatto in avanti e fare investimenti importanti che portino le aziende verso un concetto di sostenibilità ambientale, ma è pur vero che il Governo deve mettere in atto una serie di norme utili a regolamentare il nostro settore per fare in modo che le imprese “green” possano veder trasformare i loro investimenti in economicità aziendale».

Tutti i partecipanti si sono dati appuntamento dopo 10 giorni a margine dell’incontro che si terrà il 14 novembre con il Ministro alle Infrastrutture ed ai Trasporti Paola De Micheli, appuntamento nel quale bisognerà dare risposte alle molte domande del settore che non riguardano solo la questione dell’accisa sul gasolio e dei tagli ai rimborsi per il settore, ma anche alla mancanza di dialogo con le strutture del ministero a livello politico che ha avuto come conseguenza una “cancellazione” di accordi già trovati e sottoscritti.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE