Riti e tradizioni. La Pertica di Somma Vesuviana candidata Unesco


539

Si terrà martedì 5 novembre, alle 11,30 presso il bar Gambrinus di Napoli, l’ufficializzazione della candidatura al riconoscimento Unesco quale bene immateriale culturale del rito de La Pertica, antico cerimoniale che si pratica a Somma Vesuviana e che fa parte dei riti di purificazione delle Festività della Pasqua. La Pertica è stata di recente iscritta nell’inventario Ipic degli elementi culturali immateriali campani. Ora arriva la candidatura Unesco, che sarà illustrata da Biagio Esposito, presidente dell’Accademia Vesuviana di tradizioni etnostoriche, dal consigliere regionale Carmine Mocerino, presidente della commissione anti-camorra e beni confiscati della Regione Campania, da Francesco Iovino, vicesindaco della Città Metropolitana di Napoli, da Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana e da Giuseppe Sommese, presidente del consiglio comunale di Somma Vesuviana. È stato, inoltre, invitato il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca.



La Pertica è una cerimonia di peculiare significazione ancestrale iscritta nel grande tradizionale libro dei culti arborei, persistenti dall’età preclassica ad oggi.   A Somma Vesuviana, il Sabato dopo Pasqua e il 3 Maggio, viene offerto un ramo d’albero  dall’innamorato all’amata nel corso di danze tradizionali al ritmo della tammorra accompagnate da un canto. Protagoniste sono le “Paranze”, veri e propri carri ex voto, con  musici e cantori, avvinti dall’entusiasmo della festività.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE