La vedova di Cerciello: «Giustizia, non vendetta». Il processo a febbraio


502

«Da vedova, di un servitore della nostra straordinaria Nazione, chiedo giustizia e non vendetta per il mio Mario. E sono certa che, il mio auspicio, verrà tramutato in realtà dal lavoro dei miei avvocati e dai giudici che, con tanto impegno quotidiano, hanno portato a termine brillantemente le indagini». Lo afferma Rosa Maria Esilio, moglie del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello di Somma Vesuviana, ucciso con 11 coltellate il 26 luglio scorso a Roma, nel giorno in cui il gip della Capitale ha fissato il processo per Finnegan Elder Led e Gabriel Natale Hjorth, accusati di concorso in omicidio, al prossimo 26 febbraio davanti alla prima corte d’assise.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE