“Il Fatto chiama, il Vesuvio risponde”: Eurhope e i giovani dal cuore senza frontiere


389

Cari lettori, come promesso nell’articolo dedicato al Prof. Palmisciano, vincitore del premio Capri San. Michele, oggi la mia rubrica racconterà di un altro concittadino, assegnatario del medesimo premio: il Dott. Michele D’Avino che, con la sua EurHope, aggiunge altro orgoglio alla nostra Poggiomarino.



Intenzionata a sapere qualcosa di più di quest’opera, scopro che dietro un volume di poche pagine, si nasconde l’attento lavoro e l’esperienza di una scuola di formazione e di un laboratorio di ricerca sull’integrazione europea dei giovani di tutta Italia. A promuovere l’iniziativa è l’Istituto di Diritto Internazionale della Pace, Giuseppe Toniolo, insieme con l’Azione Cattolica, la Caritas italiana, Focsiv e Missio, che hanno fatto di questo libro un vero manifesto sull’Europa e sulle speranze di futuro che ad essa sono legate. Il libro edito da Ave, si arricchisce di un percorso condiviso e plurale, il cui messaggio è racchiuso nel titolo stesso dell’opera, dove la parola ”Europa” si arricchisce della lettera ”H”, che aggiunge Speranza.

D’alto canto è l’Europa della speranza quella a cui tutti noi dovremmo sentire di appartenere, la madre di Dante, Leonardo, Shakespeare, Cervantes e Goethe, per citarne solo alcuni, non bastando certamente un articolo a contenerli tutti.  Il volume è un’iniezione di fiducia sul futuro dei cittadini europei e dell’intera famiglia umana, sempre più spesso, appesantita dalle grandi problematiche contemporanee quali: la globalizzazione dell’economia, i fenomeni migratori, la tutela dell’ambiente, i cambiamenti climatici, il terrorismo, la protezione dei ”diritti umani”.

Non stupisce la dedica da parte dei curatori del libro, in occasione dell’assegnazione del Premio Capri- San Michele, Giovani 2019, ai giovani dal ”cuore senza frontiere”, che tutti i giorni si adoperano e si impegnano per trasformare il sogno europeo in realtà quotidiana; un sogno edificato sui pilastri della pace e retto da fondamenta di promozione della dignità umana.

Cenni sull’autore:

Michele D’Avino è Direttore dell’Istituto di diritto Internazionale della pace ‘Giuseppe Toniolo’ e Segretario Generale della città di Chiusi e del Comune di San Quirico d’Orcia (Si). Avvocato e Dottore di ricerca in Governo dell’Unione Europea, politiche sociali e tributarie, ha maturato specifiche esperienze professionali e di ricerca scientifica nel campo delle relazioni internazionali, del diritto amministrativo e dell’Unione europea. È membro del centro studi dell’Azione Cattolica Italiana e del Comitato scientifico di Benecomune.net, rivista della Fondazione ‘Achille Grandi’. Tra le sue pubblicazioni più recenti: La pace necessaria, con Ugo De Siervio (Roma 2017). È stato Presidente parrocchiale dell’AC di Poggiomarino e vicepresidente dell’AC diocesana.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE