Entra il boss di Boscoreale, Francesco Casillo, nella vicenda dell’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo, ucciso 9 anni fa non lontano dalla sua abitazione in Cilento. Proprio ad Acciaroli “A’ Vurzella” trascorreva le vacanze e frequentava il territorio. Per un periodo, Casillo fu pentito ed a quanto pare accusò Lazzaro Cioffi, il maresciallo già indagato sul caso.

A rivelare i nuovi particolare è un articolo de Il Fatto Quotidiano, Vincenzo Iurillo, che non ha mai smesso di indagare sul delitto del “sindaco pescatore”. Casillo fu grande accusatore dei carabinieri anche per quanto riguarda la vicenda dei cosiddetti “militari infedeli”. Ora, sul caso di Vassallo, tornano d’attualità i verbali del boss boschese.