La morte di Sara a Pompei: «Il marito filmò gli ultimi minuti di vita e non chiamò i soccorsi»


10397

Emergono nuovi dettagli sulla morte di Sara Aiello, 36 anni e madre di due bambine, appartenente a una famiglia di imprenditori di alta sartoria di Pimonte. La trasmissione di Rai Tre “Chi l’ha visto?” ha mostrato un frame di un video finito nelle mani degli inquirenti, che sarebbe stato registrato dal marito della donna e che riprenderebbe i suoi ultimi atti di vita. I coniugi vivevano a Pompei dove appunto avvenne il decesso. Il filmato, dalla durata di oltre 8 minuti, mostrerebbe Sara mentre respira male, rantola e non ha la forza di chiedere aiuto. L’uomo non chiama i soccorsi e, alla fine, misura la pressione alla donna e constata il suo decesso. Secondo i familiari quei momenti mostrerebbero i sintomi di un avvelenamento da cianuro di potassio.



I fratelli di Sara hanno lanciato un appello ai microfoni di “Chi l’ha visto?” affinché si scopra cosa è realmente successo alla donna, che nel suo ultimo periodo di vita avrebbe avuto degli svenimenti e dei contrasti con il marito. «Mio cognato era possessivo», ha spiegato uno dei fratelli. La famiglia di Sara Aiello è venuta a conoscenza dell’esistenza di questo filmato settimane dopo la sua morte. Il marito si sarebbe giustificato, dicendo che era stato il medico a suggerire di filmare la crisi per poter fare una diagnosi certa.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE