«Sono vivo, sono salvo, sono fuori pericolo». Parla attraverso il suo profilo Facebook, F.A., il giovane avvocato di Torre Annunziata rimasto vittima di una violenta aggressione dopo aver reagito ad una rapina, colpito con una roncola alla testa e agli arti. «Con questo post – scrive – voglio ringraziare e tranquillizzare tutte quelle persone che in un modo o nell’altro hanno cercato di farmi arrivare il loro affetto e il loro calore in un momento nel quale ho pensato di non svegliarmi mai più. In questi giorni ho ricevuto tante manifestazioni d’affetto e di stima sia da colleghi, sia da amici, sia da pubbliche autorità, da persone di tutti i tipi. Voglio ringraziarvi tutti ad uno ad uno per aver trovato un minuto del vostro tempo per manifestarmi il vostro affetto, ho capito di non essere solo ma, al contrario, di avere tanti amici». Ad essere accusato di avere colpito l’avvocato è Nicola Garofalo, 32enne di Boscoreale.