A 12 anni scappa da Livorno, trovata a Pompei: «Volevo raggiungere il mio papà»


17291

Nella tarda mattinata di eri è salita tranquillamente in treno a Livorno, decisa a raggiungere il padre a Pompei. Nulla di strano se non fosse per il fatto che a intraprendere questo viaggio sia stata una ragazzina di 12 anni i cui familiari erano all’oscuro di tutto. Quando la mamma si è accorta dell’assenza della ragazza, si è rivolta al Commissariato di zona per denunciarne la scomparsa. Agli agenti ha riferito di non essere riuscita a rintracciarla ed ha ipotizzato che si stesse dirigendo a Pompei dove vive il papà. Il personale di quell’ ufficio ha così contattato il centralino della Polizia Ferroviaria del capoluogo campano dando la descrizione della dodicenne. I poliziotti del Centro Operativo Compartimentale della Polfer di Napoli hanno svolto un ruolo determinante nel rintraccio della minore. Infatti si sono immediatamente attivati nella ricerca di treni che la ragazzina avrebbe potuto utilizzare per raggiungere il capoluogo partenopeo e tra i tanti convogli ne è stato individuato uno, giudicato dagli operatori il più probabile. A quel punto sono stati allertati il capotreno e i poliziotti del compartimento Polfer di Roma di servizio a bordo del treno, dando la descrizione della giovane che, dopo un controllo accurato del convoglio, è stata rintracciata e presa in custodia dai poliziotti per essere riaffidata ai familiari



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE