Lacrime e dolore per l’ultimo addio a Michele Innarella, vittima di un incidente stradale domenica mattina in località Cenito a Castellabate, in Cilento. La salma proveniente dall’ospedale di Agropoli è giunta nella mattinata di ieri, intorno alle ore 12.30, presso l’abitazione familiare di via delle Rose, e da qui, alle 18.50, è partito il corteo funebre per il santuario di San Giuseppe Vesuviano, dove è stato officiato il rito funebre, partecipatissimo. Per l’addio a Michele tanti gli amanti dei motori della zona che hanno voluto salutarlo, proprio in virtù dell’amore comune, con il rombo di automobili, motociclette e motorini. Dopo la funzione il feretro è stato condotto presso il cimitero cittadino.

Tanto è stato il dolore dei familiari e dei giovani sangiuseppesi, che nell’apprendere la notizia hanno voluto lasciare un messaggio d’addio al loro coetaneo sul suo profilo Facebook, che in queste ore si è riempito di foto più o meno recenti, tutte capaci di catturare giorni e situazioni felici, quando era impensabile il dolore di questi momenti. «Eravamo ad una festa, felici e spensierati e decidemmo di scattarci questa foto per immortalare il momento. Ed ora realizzo e ripeto a me stessa, per l’ennesima volta, che è tutto vero. Purtroppo non è frutto della mia immaginazione, davvero non ci sei più. È inaccettabile ed ingiusto. Rabbia e dolore si mescolano e tra le mille domande mi chiedo: perché? Non so come rispondere, forse non c’è una risposta alla mia domanda e non me ne capacito» ha scritto un’amica immortalata in uno scatto insieme a Michele.