La camorra vesuviana vendeva droga tra i mercatini di Natale: usavano pusher marocchini


876

Ben 19 il totale dei narcotrafficanti finiti in manette nel corso delle indagini – gli altri 12 arrestati in flagranza di reato – spalmate su più tempo a partire da marzo 2016, quando venne sequestrati un primo carico di stupefacenti a un gruppo di pusher nordafricani radicato in Trentino-Alto Adige. Il mercato dello spaccio, ripartito tra due sodalizi criminali composti principalmente da nordafricani e italiani stabilmente radicati in Trentino-Alto Adige, Lombardia, Basilicata, Campania e Puglia, si divideva tra un primo localizzato nel Nord della penisola che s’approvvigionava in Spagna e Svizzera, rifornendo il capillare sistema di vendita al dettaglio nelle province di Trento e Bolzano, e un secondo localizzato in Basilicata e Puglia, dove gli esponenti della malavita foggiana, in accordo con il clan camorristico dei Gionta di Torre Annunziata, importava direttamente dai luoghi di produzione in Marocco e Spagna, destinando lo stupefacente ai mercati del Bel Paese. Il mercato trentino, a sua volta, vedeva quindi partecipare in collaborazione un’organizzazione per lo più composta da soggetti di origine nordafricana ed un’altra gestita direttamente da uno dei principali esponenti della mafia foggiana.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE