Il Narcos vesuviano con la casa in stile Gomorra, la scoperta dopo i 15 arresti


13317

Aveva agganci con la mafia foggiana e la mala del Nord, grazie agli accordi riusciva ad importare carichi di droga dal Marocco nei tir o sfruttano finte cisterne di gasolio. Vincenzo Scognamiglio presunto esponente dei Gionta di Torre Annunziata è una figura centrale nell’operazione Carthago che ha portato all’arresto di 15 persone e 73 persone sotto indagine. Le fiamme gialle, coordinate dalla Dda di Trento, hanno sequestrato oltre una tonnellata di hashish e 2 chili di cocaina, per un valore sul mercato stimato in oltre 70 milioni di euro. Nel territorio italiano sono stati catturati tre marocchini e il 40enne oplontino Vincenzo Scognamiglio che, secondo gli investigatori, sarebbe proprio legato al clan dei Valentini. Altri quattro nordafricani sono attualmente ricercati.



Affari in tutta Europa e una casa popolare arredata in perfetto stile Gomorra. Il raccordo tra «quarta mafia» foggiana, narcos marocchini e pusher del Trentino Alto Adige era Vincenzo Scognamiglio, 42 anni, pregiudicato di Torre Annunziata ritenuto molto vicino agli ambienti del clan Gionta. Questo è quanto ricostruito dai finanzieri del Gico di Trento, coordinati dalla direzione distrettuale antimafia, al termine dell’inchiesta «Carthago», che ha portato a quattro arresti in Italia e all’estero, con tre ricercati e altri dodici indagati. Le indagini sono partite nel marzo 2016 con un sequestro di stupefacenti ad un gruppo di spacciatori maghrebini radicato in Trentino-Alto Adige.

Secondo gli investigatori, la vasta rete di narcotraffico si estendeva in Marocco, passando per la Spagna, la Svizzera e l’Olanda fino ad arrivare in Italia. Sono stati cosi individuati due sodalizi criminali composti, prevalentemente, da persone di origine maghrebina ed italiana, stabilmente radicati in Trentino-Alto Adige, Lombardia, Basilicata, Campania e Puglia, che si ripartivano i locali mercati dello spaccio. Il primo gruppo riforniva con cadenza periodica i ‘mercati’ delle province di Trento e Bolzano, dove lo stupefacente veniva venduto al dettaglio dai pusher, perlopiù tunisini e marocchini, presso i parchi cittadini dei centri storici, in prossimità di istituti scolastici nonché, in periodi di alta stagione, anche in alcune località turistiche di alta montagna.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE