Choc nel Vesuviano, cane e gatto lapidati in strada: le immagini sul web


473

«Ci sono stati segnalati i post apparsi nel gruppo Facebook “Sei di San Sebastiano se…” che mostrano un cane e un gatto senza vita accatastati, uno sull’altro, nei pressi di via Roma a San Sebastiano al Vesuvio. Dalla bocca delle due carcasse è colato del sangue. Molto probabilmente sono stati uccisi da qualcuno. Si tratta dell’ennesimo gesto criminale a danno degli animali. Oramai la situazione è fuori controllo, siamo di fronte ad una spirale che ci preoccupa». Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.



«Dal caso del coniglio Roger lapidato a Lacco Ameno al povero gattino condannato alla stessa orrenda fine a Volla, passando per la grotta degli orrori con cadaveri di conigli a Casamicciola Terme e il cane bruciato con l’acido a Mondragone, siamo di fronte ad un numero di casi elevatissimo, concentrati tra l’altro in un intervallo particolarmente breve. Alla cittadinanza chiediamo di denunciare senza esitazione. È ora di dire basta a questa assurda mattanza. Occorre allertare le forze dell’ordine con la massima celerità quando si assiste ad un atto di violenza di questo tipo. Solo così si potranno punire i trogloditi che sfogano i loro istinti più bassi sugli animali».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE