Un’operazione interforze di controllo straordinario del territorio nei Comuni di Acerra, Marigliano, San Sebastiano al Vesuvio e Marano è stata effettuata ieri mattina. In campo undici equipaggi, per un totale di ventisei unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano, al commissariato di Polizia di Stato di Acerra e Nola, alla compagnia dei Carabinieri di Acerra, alla Guardia di Finanza di Casalnuovo, alla Polizia Metropolitana nonché all’Arpac di Napoli. Sono state controllate sette attività imprenditoriali e commerciali per lo più operanti nel settore dello stoccaggio e trattamento dei rifiuti di cui una è stata sequestrata. Si tratta di un’azienda di Marigliano che rivendeva ricambi d’auto usati. Quindici veicoli e trentasei persone sono state controllate di cui una è stata denunciata all’Autorità giudiziaria. In particolare, nel Comune di Acerra è stata sequestrata un’attività di rivendita di pezzi di ricambio autoveicoli completamente abusiva presso la quale venivano anche stoccati illecitamente rifiuti speciali (elettrodomestici, oli esausti, parti di auto). Il proprietario è stato deferito all’autorità giudiziaria per reati ambientali. Nell’ambito dell’attività di vigilanza svolta dall’Esercito, è stata fermata una persona che sversava rifiuti nei pressi del campo Rom di Scampia, mentre a San Tammaro un individuo che trasportava materiali anche pericolosi con il proprio veicolo è stato sorpreso mentre li abbandonava lungo una strada di campagna. Entrambi sono stati segnalati alle forze dell’ordine.