Ponte Morandi, i familiari delle vittime vesuviane non andranno a Genova: «Niente passerelle»


1226

Mercoledì prossimo 14 agosto, nello stesso giorno e nella stessa ora in cui il Ponte Morandi un anno fa crollava «per negligenza umana e non per uno strano caso», a Torre del Greco saranno esposti quattro dipinti raffiguranti i volti delle giovani vittime Giovanni Battiloro, Matteo Bertonati, Gerardo Esposito ed Antonio Stanzione. Lo scrive su Facebook Roberto Battiloro, padre di Giovanni, annunciando che i parenti dei quattro ragazzi non saranno alle commemorazioni in programma a Genova.



«Mio figlio – ha spiegato l’uomo a “Il Mattino” – non è morto, l’ha ucciso lo Stato e chi ha sbagliato deve pagare. Non andremo a Genova per assistere a passerelle». I familiari delle vittime sottolineano inoltre di non volere «risarcimenti ma rispetto». A Torre del greco sarà una giornata di lutto, come deciso con un’ordinanza del sindaco Giovanni Palomba: un minuto di raccoglimento sarà osservato nei luoghi di lavoro mentre gli edifici pubblici esporranno le bandiere a mezz’asta. In programma anche l’accensione di 43 lanterne, una per ogni vittima del Ponte.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE