Lo sviluppo dei siti produttivi di Brindisi e Pomigliano d’Arco; 2 progetti di R&S – articolati tra Piemonte, Campania e Puglia – e un incremento di almeno 100 nuovi posti di lavoro. Sono questi gli obiettivi del nuovo contratto di sviluppo presentato da Avio Aero, grande impresa del gruppo General Electric, e approvato da Invitalia, Agenzia Nazionale per lo sviluppo. L’iniziativa prevede investimenti per 77,8 milioni di euro, di cui 51 destinati alle attività di R&S ed è oggetto di un Accordo di Sviluppo sottoscritto dal Mise e dalle regioni Piemonte, Campania e Puglia. Le agevolazioni massime a fondo perduto, approvate da Invitalia, ammontano infatti a 27,3 milioni di euro: 22,5 milioni messi in campo dal Mise; 1,8 milioni dalla regione Campania (Accordo di Programma Quadro MiSE-Regione) e 3 milioni dalla regione Puglia. La regione Piemonte concorre mettendo a disposizione contratti di alta formazione e di ricerca per l’inserimento occupazionale di giovani. A Brindisi, Pomigliano d’Arco, Cameri e Rivalta di Torino, Avio Aero, che opera nel settore aero engine, realizza componenti e sistemi propulsivi per l’aeronautica civile e militare e, proprio a Pomigliano, ha già realizzato un precedente investimento di circa 60 milioni di euro, sempre grazie al contratto di sviluppo gestito da Invitalia.