Carabiniere ucciso, c’è l’ok di Somma Vesuviana per intitolargli subito una strada


626

C’è il via libera da parte della commissione toponomastica per intitolare fin da subito una strada di Somma Vesuviana a Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a fine luglio in servizio a Roma. Adesso, quindi, dopo il sì della commissione Toponomastica, bisognerà richiedere l’autorizzazione alla prefettura. «Nel caso del vice brigadiere Cerciello Rega – ha spiegato il coordinatore della commissione Toponomastica Alessandro Masulli – le cui virtù da eroe sono state scandite dai mass media di tutto il mondo, non è necessario allegare alcun curriculum. La commissione Toponomastica, in questo caso, d’intesa con l’amministrazione cittadina, avrà il solo compito di individuare quale strada o piazza pubblica possa conservare la viva memoria del nostro valoroso cittadino».



«Tanti cittadini mi hanno chiesto di dare un segno tangibile che Mario Cerciello Rega non sarebbe stato dimenticato. Con la mia Amministrazione abbiamo pensato fosse giusto intitolargli una strada della sua città per rendergli onore per sempre. Per questa ragione ho chiesto un parere alla commissione, così da seguire l’iter preciso per l’intitolazione, e procederemo presto», aveva annunciato poco dopo il delitto il primo cittadino.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE