Intervento riuscito all’ospedale Cardarelli di Napoli dove è stato operato Salvatore Narciso, il 35enne che avrebbe lanciato e ucciso la figlia di 16 mesi dal balcone di un palazzo a San Gennaro Vesuviano. L’azienda ospedaliera fa sapere che l’uomo, giunto in condizioni critiche al nosocomio dopo aver tentato il suicidio, aveva riportato fratture vertebrali e un ematoma intradurale, risolto grazie a un intervento chirurgico delicato. «Questa struttura è in prima linea e, anche in una situazione tanto drammatica, si conferma nelle sue eccellenze. Tutti i traumi maggiori – dice Anna Iervolino, commissario straordinario del nosocomio napoletano – sono centralizzati al Cardarelli, dove i servizi e le sale chirurgiche operano h24. Siamo fieri di offrire alla città una risposta assistenziale di altissimo livello».