Esplode lo Stromboli, la turista napoletana: «Ho pensato al Vesuvio ed a Pompei»


2128

«Sono sotto choc. Quando ho sentito quei due botti ho pensato a Pompei, all’esplosione del Vesuvio. Un terrore con cui noi napoletani siamo abituati a convivere da quando siamo piccoli, ce l’abbiamo nel subconscio». A parlare all’Adnkronos è Elisabetta, una giovane professoressa di liceo napoletana arrivata proprio ieri mattina a Stromboli per partecipare a un matrimonio in programma domenica.



«Stavo tornando dal mare, andavo verso la piazzetta, avevo il vulcano di fronte – racconta – quando all’improvviso ho sentito due esplosioni forti. Ho pensato all’eruzione dello Stromboli, ho avuto una paura folle. Intorno a me una marea di pietrine, lapilli, cenere, e tanto, tanto fumo: non si vedeva più nulla. Poi il cielo, e il mare anche, sono diventati tutti neri. Per un momento sono rimasta immobile, pietrificata, come del resto tutti quelli che erano lì; all’improvviso ho visto scendere tanta gente dalla piazzetta, erano terrorizzati, correvano verso il mare non si sa perché, forse sperando in una via di fuga. Poi però li hanno fatti risalire su, temevano ci potesse essere uno tsunami».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE