Vesuvio Ultra Marathon, due gare sulle meravigliose pendici del vulcano


1053

Tra le manifestazioni sportive più importanti del Centro Sud c’ è di sicuro la Vesuvio Ultramaraton. Domenica scorsa, per il terzo anno consecutivo, si è disputata la gara podistica, organizzata dall’ADS Vesuvio live, sul Somma-Vesuvio attraverso luoghi di interesse storico e naturalistico come il Rifugio di Spartaco, i Cognoli, il Gran Cono. Insomma, tra la flora e la fauna vesuviana! Molte le associazioni come la Terzigno corre, Dogma Bike, Amici della Montagna, Somma Trekking, Podisti Liberi, Soccorso Alpino, Protezione Civile di Ottaviano e Spartacus che hanno affiancato l’ADS Vesuvio live, presieduta dal Dott. Giuseppe Miranda. Sono state impegnate circa 200 persone tra addetti alla ristorazione, ai soccorsi, alla vigilanza ecc.  Due le gare: la 23 e la 49 Km. Il punto di partenza degli atleti si è tenuto nel Castello di Ottajano, fondato nell’anno mille dai Longobardi e trasformato in Palazzo dai Medici. Alle due gare hanno preso parte atleti provenienti dalla Spagna, Inghilterra, Francia, Belgio, Olanda, Marocco, Usa, Germania, Brasile, Turchia, Lituania. Tra le personalità, ospiti d’onore, Marco Olmo ultramaratoneta italiano che ha vinto molti Trail ed ha scritto un libro di successo intitolato “Il miglior tempo”.



Ad accogliere gli atleti un gruppo di raffiguranti < I ribelli> guidati dal gladiatore Spartaco. Essi, prima della partenza dei podisti, hanno messo in scena una battaglia tra gladiatori donando all’evento podistico, una celebrità storica. La presenza di Stand con i prodotti tipici locali con conserve di albicocche, pomodorini del piennolo, miele e marmellate… hanno fatto da cornice. La 49 Km è stata vinta dal campione altoatesino George Piazza che ha impiegato per raggiungere l’ambizioso traguardo 5h10’51’’. Alle sue spalle Carmine Ammendola e al terzo posto lo spagnolo Javier Ordieres. Nel campo femminile successo per Melissa Iron Paganelli. Seconda, invece, Silvia Serafini e al terzo posto Amara Ferrante. Un grande successo non solo per la città di Ottaviano e paesi limitrofi e in particolare per gli albergatori, i ristoratori della zona che allo sport hanno affiancato l’enogastronomia vesuviana, un’eccellenza a livello mondiale.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE