Striano, il rettore Tommasetti con la Lega per le Europee “strizza l’occhio” a Gerli


1242

Il 26 maggio è una data che potrebbe rappresentare una svolta politica per molte realtà. Anche per un piccolo comune campano – Striano – a cavallo tra l’agrovesuviano e la Valle del Sarno. È qui infatti che ieri ha fatto tappa per la sua campagna elettorale Aurelio Tommasetti, 52 anni, rettore dell’ateneo salernitano di Fisciano, in scadenza di mandato a giugno. E candidato alle imminenti elezioni europee con la Lega di Matteo Salvini. Ospite nel “Cantiere del Gusto” di Giulio Gerli, noto imprenditore locale e a sua volta candidato a sindaco di Striano con la lista Liberi di Scegliere. Un connubio elettorale il loro, nato sui temi del territorio, delle tipicità locali e della valorizzazione – attraverso la ricerca della qualità e il riconoscimento della meritocrazia – delle nuove generazioni, che accomuna il rispettivo impegno politico.



Da un lato Tommasetti e la sua scelta accanto alla Lega, per un Europa degli Stati con le singole identità, per la ripartenza del Mezzogiorno e per frenare la fuga dei giovani talenti dal nostro Paese. Dall’altro Giulio Gerli, che scende in campo per la prima volta, con l’ambizione di trasferire la sua politica del fare dall’azienda di famiglia alla comunità della quale fa parte. Tommasetti confida nel sostegno dell’elettorato di Striano e chissà che l’aver più volte ripetuto nel corso del suo intervento il termine “sindaco” rivolgendosi a Giulio Gerli, non si riveli di buon auspicio per il candidato sindaco. Di sicuro il 27 maggio si saprà se la buona sorte a avrà sorriso ai due candidati.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE