Nola, due tir carichi di sigarette di contrabbando tra la frutta: i camionisti in carcere GUARDA IL VIDEO


1889

Nel quadro dell’intensificazione delle attività di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, con particolare attenzione alla recrudescenza del contrabbando di t.l.e., il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha disposto un capillare potenziamento dei servizi di contrasto attuati sull’intero territorio provinciale. In tale contesto, i finanzieri del Gruppo di Nola, al termine di un’attività infoinvestigativa nello specifico comparto, hanno arrestato in flagranza di reato 2 contrabbandieri montenegrini, sequestrando complessivamente oltre 2 tonnellate di sigarette. In particolare, le fiamme gialle nolane, hanno individuato, nella zona ASI del comune di Nola, 2 autoarticolati con targa straniera, fermi in prossimità di alcuni capannoni destinati allo stoccaggio di merci alimentari. Le operazioni di controllo effettuate sugli automezzi hanno consentito di rinvenire, abilmente occultate dietro un carico di copertura, costituito da beni alimentari deperibili, oltre 2 tonnellate di tabacchi lavorati esteri pronti per essere messe in consumo nel territorio dell’agro nolano.



In tale ambito, condividendo le risultanze investigative emerse, l’A.G. di Nola ha disposto l’arresto dei 2 responsabili, conducenti dei predetti autocarri, i quali sono stati tradotti presso il carcere di Napoli-Poggioreale, disponendo altresì il sequestro dei veicoli e del carico di copertura costituito da oltre 37 tonnellate di beni alimentari per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro. Continua, incessante l’azione di contrasto ai traffici illegali da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli sul territorio, a tutela della sicurezza economico-finanziaria dei cittadini ed a contrasto di un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE