Violenta la nipotina di 4 anni e scappa, catturato in Circumvesuviana


1622

Dopo un lungo interrogatorio nella Questura di Napoli, ha confessato ed è stato fermato, con l’accusa di violenza sessuale su minore, lo zio della bimba rom di 4 anni vittima di abusi che lo scorso 9 aprile era stata portata dalla madre nell’ospedale Santobono della città. Il fermo è stato disposto dalla sezione «Fasce deboli» della Procura di Napoli (sostituto procuratore Santulli, procuratore aggiunto Falcone).



A rendere noto l’episodio, nei giorni scorsi, è stato il consigliere dei Verdi della Regione Campania, Francesco Emilio Borrelli, componente della commissione Sanità, il quale, in seguito alla segnalazione, come ha poi spiegato in una nota, ha «chiesto e ottenuto conferma di quanto accaduto dal direttore dell’ospedale pediatrico partenopeo, Anna Maria Minicucci». L’uomo è stato interrogato dagli agenti della sezione minori della Squadra Mobile. La bimba giunse nel pronto soccorso dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli la sera di martedì, con la madre e i medici, durante le visite si sono accorti di lesioni ritenute riconducibili a una recente violenza sessuale.

Lo zio della bimba rom, sottoposto a fermo, è stato rintracciato dalla Polizia nella stazione della Circumvesuviana di Barra. L’uomo si era reso irreperibile dopo essere stato denunciato, il 9 aprile, dalla mamma della piccola vittima. Alla vista degli agenti ha tentato la fuga, ma è stato bloccato e, durante il successivo interrogatorio in questura, ha ammesso le proprie responsabilità.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE